Le macchine della verità funzionano davvero?

La macchina della verità nota come “poligrafo” funziona secondo gli stessi principi del rilevamento dei comportamenti legati all’inganno ed è vulnerabile agli stessi problemi. L’esame del poligrafo non rileva le bugie, solo i segni delle emozioni.

Come funziona una macchina della verità?

I fili del poligrafo sono collegati al sospetto per misurare i cambiamenti nella sudorazione, nella respirazione e nella pressione sanguigna. Gli aumenti della pressione sanguigna o la sudorazione non sono di per sé segni di inganno. Le mani diventano umide e il cuore batte più forte quando si vive un’emozione.

Prima di eseguire il test del poligrafo, la maggior parte degli operatori del poligrafo tenta di convincere il sospetto che il poligrafo non fallisca mai nel riconoscere un bugiardo, effettuando quello che è noto come test di “stimolazione” o “stim. La tecnica più comune è dimostrare al sospettato che la macchina sarà in grado di dire quale carta il sospetto prende da un mazzo. Dopo che il sospettato ha preso una carta e l’ha rimessa nel mazzo, gli viene chiesto di dire di no ogni volta che l’operatore del poligrafo gli chiede se si tratta di una carta particolare.

Alcuni di quelli che usano questa tecnica non commettono errori, perché non si fidano della registrazione del poligrafo per catturare la bugia e usano un set di carte marcato. Giustificano l’inganno verso l’indagato per due motivi. Se è innocente, è importante che pensi che la macchina non commetta errori; altrimenti, potrebbe mostrare paura di non essere creduto. Se è colpevole, è importante aver paura di essere catturato; in caso contrario, la macchina non funzionerà davvero. La maggior parte degli operatori del poligrafo non si cimenta in questo inganno, ma si affida ai dati del poligrafo per individuare quale carta è stata presa.

Quando non funzionano gli esami del poligrafo?

L’indagato deve credere nell’abilità del cacciatore di bugie. I segni della paura sarebbero ambigui a meno che le cose non possano essere organizzate in modo tale che solo il bugiardo avrà paura, e non chi racconta la verità. Gli esami del poligrafo falliscono non solo perché alcuni innocenti temono di essere accusati falsamente o per altri motivi, ma anche perché alcuni criminali non credono nella “magia” della macchina. Sanno che possono cavarsela e, se lo sanno, hanno maggiori probabilità di poterlo fare.

Alcuni operatori del poligrafo tentano di ottenere una confessione convincendo i loro sospettati di non poter battere la macchina. Quando un sospetto non confessa, alcuni operatori del poligrafo intimidiscono il sospetto, dicendo all’indagato che la macchina ha dimostrato che lui non sta dicendo la verità.

Migliorando nella comprensione del rilevamento delle menzogne, la speranza è di riconoscere i colpevoli. Gli innocenti possono subire le false accuse ma presumibilmente saranno rilasciati. Sfortunatamente, sotto tali pressioni alcuni innocenti possono confessare un fatto non commesso solo per ottenere sollievo.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.paulekman.com/lies-and-deception/do-lie-detectors-actually-work/

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: